Google engineers find a way to filter robocalls the way Gmail filters spam


The Federal Trade Commission just announced the three winners of its Robocall Challenge, a contest meant to crowdsource the solution to the robocall scourge that prompts more than 200,000 consumer complaints every month. The first-place award was split between two individuals, programmers Aaron Foss and Serdar Danis. The "technology achievement award," reserved for a submission affiliated with a large company, went to two Googlers, Daniel Klein and Dean Jackson. When complaining to the FTC, consumers often wondered why it wasn't possible to screen robocalls with the same effectiveness as Gmail screens spam. Klein and Jackson's solution is not unlike Google's email spam filter, which prompts users to report bogus messages. Their system allows users to instantly report originating phone numbers to an online database; on the other side, phones or external hardware automatically check the database every time a call comes in. It also includes a mechanism that blocks "spoofed" numbers, which obfuscate the true origin of the call.
Continue reading >>> [Theverge]

La Federal Trade Commission ha appena annunciato i tre vincitori del sua Robocall Challenge, un concorso pensato per trovare una soluzione di tipo crowdsource ad una piaga che porta a più di 200.000 reclami da parte dei consumatori ogni mese: le telefonate automatiche non desiderate programmate per fini commerciali o più semplicemente Robocall. Il premio del primo posto è stato diviso tra due individui, i programmatori Aaron Foss e Serdar Danis. Il "premio alla tecnologia", riservato agli affiliati di una grande azienda, è andato a due Googler, Daniel Klein e Dean Jackson. Quando i consumatori  si  lamentavano con la FTC, spesso si chiedevano il motivo per cui non fosse possibile fermare le robochiamate con la stessa efficacia che ha Gmail con lo spam. La soluzione di Klein e Jackson non è dissimile da appunto al filtro antispam di Google, che richiede agli utenti di segnalare i messaggi fasulli. Il loro sistema consente agli utenti di segnalare istantaneamente i numeri di telefono incriminati ad un database online e dall'altro lato i telefoni, o hardware esterno, controllano automaticamente il database ogni volta che arriva una chiamata. Inoltre entra in gioco anche un meccanismo che blocca i numeri che offuscano la vera origine della chiamata.
Continua a leggere >>> [Theverge]