Shapeshifters: phones of the future could morph on demand


Scientists in Europe have developed prototype devices that could drastically change the way we interact with our smartphones and tablets. The six working prototypes, known as "Morphees," are thin, electronic displays capable of automatically changing shape to perform certain functions. Researchers say that if brought to market, the devices could usher in a new era in mobile computing, breaking down the physical barriers that have traditionally defined smartphones, tablets, and gaming consoles. Project leader Anne Roudaut, a researcher at the University of Bristol in the UK, outlined her team’s developments in a paper published this week for the Association of Computing Machinery (ACM). One design transforms a smartphone into the shape of a gaming controller, its edges folding downward to allow for more comfortable two-thumb playing; another caves inward like an origami flower, shielding the display from the view of strangers.
Continue reading >>> [Theverge]

Morphees: il primo smartphone al mondo in grado di cambiare forma e piegarsi


I Ricercatori dell'Università di Bristol hanno dato vita ad una serie di prototipi di smartphone veramente interessanti, innovativi e assolutamente unici nel loro genere: i Morphees. L'obiettivo era quello di superare l'attuale livello di tecnologia dei vari device, fornendo un elemento in grado di cambiare forma a comando in base alle esigenze dell'utilizzatore. Anne Roudaut è stata posta a comando dell’ambizioso progetto, i dispositivi in questione sono ancora piuttosto grezzi e lontani dall’essere applicati nel mondo “reale”, ma dovrebbero rispondere alle seguenti necessità: In un futuro non troppo lontano, i dispositivi mobile dovranno poter cambiare forma per un miglioramento delle proprie funzionalità. Il device cambia-forma sarà un vero toccasana per gli sviluppatori, in quanto potranno creare applicazioni per specifiche configurazioni fisiche.
Continua a leggere >>> [Androidiani]